Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

noviolenza

Il 25 Novembre è la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle donne e sabato 26, a Roma, ha luogo una manifestazione che parte da Piazza Esedra alle ore 14, per dire no alla violenza di genere. La protesta s’inserisce in un contesto di mobilitazioni a livello internazionale. In Italia aderiscono moltissime associazioni di donne, riunite dallo slogan “non una di meno”. Se è giusto interessarci di quanto avviene in Turchia, in Africa e nei Paesi non Occidentali, è altrettanto vero che l’Italia ha un triste primato in Europa. Si contano ben 116 vittime accertate di femminicidio dall’inizio del 2016, mentre nel 2015 sono state 128. Donne uccise, per lo più, da mariti, fidanzati, conviventi.  Secondo i dati forniti dall’Eures, l’Istituto di ricerche economiche e sociali, negli ultimi dieci anni, le donne uccise in Italia sono state 1.740. Tra loro, ben 1.251 (il 72%) hanno trovato la morte in famiglia, nel nido che avrebbe dovuto proteggerle. A giudicare dallo storico dei dati, parlare del fenomeno serve, perché se partiamo a contare dal  2000, anno in cui si verificarono 199 delitti di donne, il dato arriva a 2800 femminicidi. Gli obiettivi principali del movimento Italiano: certezza della pena per chi commette reati; maggiore sicurezza nelle strade e nei luoghi di lavoro; aumento dei servizi di assistenza alle donne e ai minori; una politica improntata al pieno riconoscimento della parità di genere; l’ introduzione di un’ educazione sentimentale nelle scuole, che porti gli individui a vivere serenamente e in modo sano i loro rapporti interpersonali futuri. (M.I.)

menestrella

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/11/noviolenza-1024x695.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/11/noviolenza-150x150.jpgRedazioneDirettoPunti di vistadonne,femminicidio,Non una di meno,violenza sulle donneIl 25 Novembre è la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle donne e sabato 26, a Roma, ha luogo una manifestazione che parte da Piazza Esedra alle ore 14, per dire no alla violenza di genere. La protesta s'inserisce in un contesto di mobilitazioni a livello internazionale. In Italia...