Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

CUCCHIStefano

L’inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi ha portato all’accusa di un gruppo di carabinieri e sarà la Giustizia Italiana a stabilire, con una sentenza definitiva, chi e con quali modalità lo abbia ucciso. La sede dei processi è un’aula di tribunale. Una certezza assoluta è che se l’Italia non ha dimenticato Stefano, da quel 22 Ottobre 2009, se la sua morte è diventata un caso mediatico internazionale, se al mondo oggi interessa che siano individuati i suoi assassini -che abbiano volto, nome e cognome-, il merito è soprattutto di Ilaria Cucchi, che ci ha reso tutte e tutti parte della sua storia. Non si è mai arresa e con determinazione continua a chiedere verità e giustizia. Noi Stefano lo abbiamo ritratto com’era qualche anno prima di essere arrestato, perché, in fondo, un detenuto nelle mani dello Stato torna un po’ nelle condizioni di un bambino. Come un bambino, non ha potere decisionale e deve sottostare ai “grandi” cui è affidato, alle loro capacità e saggezza. Dietro Stefano Cucchi, al posto della sua ombra, c’è qualcuno il cui volto non è ancora riconoscibile e si confonde in un male che è anche un mare di casi irrisolti… Accanto una Bilancia, con la speranza che presto emerga tutta la verità e sia fatta giustizia.  ildiretto.com

Articoli correlati:

Inchiesta Stefano Cucchi: tre carabinieri e il loro Comandante sotto accusa

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2017/01/CUCCHIStefano-1024x730.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2017/01/CUCCHIStefano-150x150.jpgRedazioneDirettoPunti di vistaIlaria Cucchi,inchieste,Stefano Cucchi,vignetta,vignetteL’inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi ha portato all’accusa di un gruppo di carabinieri e sarà la Giustizia Italiana a stabilire, con una sentenza definitiva, chi e con quali modalità lo abbia ucciso. La sede dei processi è un'aula di tribunale. Una certezza assoluta è che se l’Italia non...