Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

È la notte degli Oscar e ti chiamano sul palco per dirti che hai vinto. È il momento che attendevi da una vita e ringrazi tutti coloro che ti hanno accompagnato e hanno creduto in te, fino alla realizzazione di un sogno, ma all’improvviso il sogno si trasforma in un incubo. Hanno annunciato il titolo sbagliato. T’informano che c’è stato un errore. Non sei tu il vincitore e ti mostrano un foglietto sul quale è scritto nero su bianco che l’Oscar per il miglior film è stato assegnato a un altro. Tutti ridono e rideranno ancora, tu piangerai non appena ti renderai conto di tutto. Non è la trama di una commedia ma quanto realmente accaduto alla notte degli Oscar 2017. Hanno annunciato vincitore per la categoria miglior film La La land e poi, dopo che il regista ha fatto il suo discorso di ringraziamento, gli hanno detto: “Scusa, ci siamo sbagliati, ha vinto Moonlight! Ecco, guarda, scritto nero su bianco!” Indipendentemente dai gusti -preferisco Moonlight a La La land e sono felice che abbia vinto, lo meritava- questa premiazione trasformata in una commedia dell’assurdo mi ha, in ogni caso, davvero sbalordito.  Ora non ci sarà alcuna differenza tra la notte degli Oscar e Scherzi a parte. Come la metti e metti, questa faccenda è uno scivolone inqualificabile. Se è stato un errore non voluto, hanno dato prova di una “sciatteria da Oscar” nell’organizzazione di un evento internazionale. Se invece volevano fare uno scherzo, è stato fuori contesto. Ripeto, la riflessione non s’incentra su quale sia il film migliore. Si tratta piuttosto di una questione di stile. Personalmente trovo nauseabonde tante fiction Italiane, eppure non mi sognerei mai di premiare una fiction tra quelle che aborro sul palco del Roma Fiction Festival, per poi dire “No, guarda, ho sbagliato, non hai vinto tu, la tua serie fa schifo, hanno vinto The Goldbergs e Organge is the new black. Anzi scusa, visto che sei sul palco, consegnagli tu il premio…” Certo, a pensarci bene, potrebbe anche essere divertente… (Andrea Vittori)

Grafica La la la l’altro film, presa dalla rete

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2017/03/laland.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2017/03/laland-150x150.jpgRedazioneDirettoPunti di vistaarte,cinema,cultura,OscarÈ la notte degli Oscar e ti chiamano sul palco per dirti che hai vinto. È il momento che attendevi da una vita e ringrazi tutti coloro che ti hanno accompagnato e hanno creduto in te, fino alla realizzazione di un sogno, ma all’improvviso il sogno si trasforma in...