Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

A Milano si bruciano le palme, accusandole di “africanizzare” piazza del Duomo –africanizzare? Una volta, parlando di piante, si diceva semmai che sapevano “ossigenare” –; i tassinari romani protestano contro la liberalizzazione delle licenze facendo il saluto fascista; il PD cambia per l’ennesima volta nome ma non i cognomi e le facce; un ragazzino viene denunciato e condannato a pagare una multa salata per aver venduto merendine a scuola a 50 centesimi l’una…E direi che con la cronaca, per ora, basta. Passiamo a qualcosa di leggero: l’Isola dei famosi. Ho sentito che c’era una tale pornostar “Malena” e, non conoscendola, per colmare la mia ignoranza, l’ho vista. Pornostar? Semi piatta, circa 45 kili. Come dice “garbatamente” Ceccherini, vedere Malena in un film è forse come bere una tisana. Lo stesso Ceccherini poi dà in diretta della “porcona” alla Marcuzzi e infine sbrocca sull’isola e si auto elimina dal gioco per via del fatto che Moreno gli ha detto che Raz ha detto “fucking woman” riferito alla sua compagna. Raz, l’outsider, quello che, per chi, come me, è stato adolescente negli anni ’90, era un mito a cui rifarsi per piacere alle ragazze, lui, “l’uomo che non deve chiedere mai” e “sono solo fatti miei”. Abbiamo scoperto che forse non è mai uscito dal personaggio che interpretava in quelle pubblicità. Vi prego, qualcuno gli spieghi che non è un vero naufrago e che sta girando un programma TV. Dice: “Non bisogna parlare. Bisogna guardare foco. Ascoltare natura. Uccelli, vento. Tenere foco.” Ditegli il vero, ossia che un programma televisivo con lui che sta zitto davanti al fuoco ad ascoltare le tortore per mezz’ora non lo guarderebbe mai nessuno. Non è che le chiacchiere degli altri siano più interessanti, ma per non perdere oudience, la produzione ha affiancato a Raz la storica attivista GLBTQ Imma Battaglia. Ci rendiamo conto? L’unica lesbica nota attivista politica di sinistra che avesse ancora un po’ di credibilita’. Mi chiedo come abbiano potuto convincerla e mi figuro la scena. Un produttore che la chiama dagli studi di canale 5: “Pronto Imma Battaglia, vieni subito, qui ci sono delle lesbiche e dei gay in pericolo!” Imma, non appena accorsa negli studi mediaset per soccorrere gli omosessuali, viene tramortita e trasportata in Honduras. Non appena sveglia, le dicono: “Tutto a posto Imma, ora ti facciamo salutare Eva, intanto rimettiti in forze mangiando questi funghetti tipici del posto…” A sua insaputa, in diretta annunciano che la attende una settimana in tenda con Raz sull’isola mediaset. Mediaset, ci rendiamo conto cosa voglia dire per lei che e` antiberlusconiana? Non c’e` altra spiegazione che il rapimento. Per non parlare delle scene di pesca. Anzi, parliamone. I pesci abboccano all’amo già morti. Segno che: o c’è un pescatore che li fa abboccare al posto dei “famosi” e poi glieli passa per fare le riprese, oppure fanno e rifanno le riprese così a lungo che nel frattempo il pesce muore stecchito, e anche in tal caso il reality perde un po’ di realtà. Una sola domanda mi gira, infine, nella testa. In un’isola deserta senza specchi né camerini, come fa Moreno a tenersi i baffi così perfetti? Non ha un filo di barba, ma i suoi baffetti sono impeccabili come quelli di uno che ogni giorno va dal barbiere. Ovviamente si scherza, ma direi che pure con i reality, per ora, BASTA. Passo alla fantascienza, che oramai non è più fanta ma direttamente scienza. Scoperta “terra gemella” con altro sistema solare, trappist-1. Mi offro volontario per partire, se là non c’è la televisione! Il fatto però è che sta a quaranta anni di distanza da qui… Metti che arrivo a destinazione e non mi piace, poi tempo che torno indietro compio 115 anni durante il viaggio (40 ad andare+40 a tornare…) e muoio così, dato che non sono uno gnomo. D’altro canto, metti che invece inventano un sistema per viaggiare più veloce e riesco ad arrivarci in un paio di anni, metti che arrivo là e mi piace, se ci sono esseri meno evoluti, poi cosa faccio nello spazio tutto il giorno? Se invece sono più evoluti, finisce che passo per lo scemo del villaggio! E non mi conviene! Metti che non mi piace, tempo che torno, in 4 anni si saranno già formati un altro paio di governi in Italia e io non potrò criticarli né inveire contro, perché tutti mi direbbero “eh non parlare, che non hai votato, stavi su trappist-1” Ho un’idea migliore: resto qui, a lavorare ad una grande astronave, che possa contenere tutte le persone che ho qui nominato. Poi ci racconteranno com’è! (David Giordano)

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2017/03/puntointerrogativo-1-1.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2017/03/puntointerrogativo-1-1-150x150.jpgRedazioneDirettoPunti di vistacronaca,Italia,news,spettacoloA Milano si bruciano le palme, accusandole di “africanizzare” piazza del Duomo –africanizzare? Una volta, parlando di piante, si diceva semmai che sapevano “ossigenare' -; i tassinari romani protestano contro la liberalizzazione delle licenze facendo il saluto fascista; il PD cambia per l’ennesima volta nome ma non i cognomi...