Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

La vita di Elisa, tre anni, è contrassegnata dalla lotta contro la leucemia e, ciò nonostante, la bambina non ha mai perso il sorriso ed è diventata una vera e propria testimonial della campagna nazionale per donare il midollo osseo. C’è una possibilità di salvare la vita della piccola e quella possibilità potresti essere proprio tu, come recita il manifesto diffuso  sui social dalla sua famiglia, alla ricerca di un donatore o di una donatrice. Se hai tra i 18 e i 35 anni, pesi più di 50 kg, e sei una persona sana, rivolgiti all’ Admo (Associazione Donatori Midollo Osseo) per una prova di compatibilità. Con un semplicissimo prelievo del sangue, in pochi minuti, potrai effettuare la “tipizzazione” e scoprire se sei o meno compatibile con Elisa. In caso non dovessi risultare idoneo/a per aiutare questa bambina, potresti salvare la vita di qualcun’altro e senza rischiare nulla.  La donazione di midollo osseo, infatti, non  è invalidante come si potrebbe pensare e, nella maggior parte dei casi, si effettua tramite una particolare donazione di sangue. Come spiegano i volontari dell’ ADMO, il midollo osseo si riforma in modo naturale nel donatore/nella donatrice, nel giro di una settimana. Chiunque sia in possesso dei requisiti richiesti, può recarsi nel centro trasfusionale più  vicino, per effettuare la tipizzazione e donare. Per maggiori informazioni, su tutte le iniziative in atto, potete visitare la pagina dell’Admo o la pagina fb “Salviamo Elisa“. Scriviamo insieme il lieto fine di questa storia. L’inizio di qualcosa di grande, potresti essere proprio tu! Il Diretto

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2017/11/ELISA.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2017/11/ELISA-150x150.jpgRedazioneDirettoPunti di vistaadmo,midollo osseo,Salviamo ElisaLa vita di Elisa, tre anni, è contrassegnata dalla lotta contro la leucemia e, ciò nonostante, la bambina non ha mai perso il sorriso ed è diventata una vera e propria testimonial della campagna nazionale per donare il midollo osseo. C'è una possibilità di salvare la vita della piccola...