Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

di Manlio Trueroman

 Visto che mo’ ar festival der cinema ce vanno tutti e commentano li film, noi abbiamo deciso de fa’ quarcosa de novo. Pigliamo un film vecchio, già uscito senza che nessuno se n’è accorto, e ce scrivemo pe’ voi ‘na bella recenzione. La rigazza mia è arivata quindi co’ sto divuddì in mano, dicendo: “Visto che te piace magnà giapponese e stai un po’ giù, t’ho pigliato sto film che cià un sushi co’ le bacchette in copertina e ce sta scritto sopra commedia.” Last Food. Incomincia che precipita un aereo, anzi no a dire la verità inizia che l’aereo già è cascato, così non s’è visto l’impatto e hanno risparmiato sull’ effetti speciali. Produzione furba. Ce sta sto tizio che è Italo francese ma pare più Italiano e infatti l’attore è italiano. Se chiama Gurm o Gurmè …quarcosa difficile perciò er nome non lo scrivemo. Pare l’unico sopravvissuto in mezzo a tutti morti, fuoco e terore, ma invece de’ esse contento de aveccela fatta strilla: “Perché proprio io?” Se chiede perché Dio ha sarvato proprio lui che ‘n cojone senza na donna, senza ‘nfio, senza ‘ncane…E per il trauma da esse rimasto solo in mezzo a quer casino de’ morti, se ciuccia er dito come un neonato anche se cià cinquant’anni. Ariva perciò un giapponese, Tekano, e qui, corpo de scena, scoprimo che i sopravvissuti so’ due!! Se abbracciano, felici. L’Italiano vuole rimanè sull’aereo ad aspettà li soccorsi, il giapponese invece, che parla sempre pe’ proverbi, dice che pe’ esse trovati bisogna cercà e perciò se mettono insieme in cammino. Camminano camminano pe’ le montagne der Tibet, dove non ce’ sta manco n’anima. Er giapponese è un cuoco da paura, nò Chef inzomma e quindi cucina delle erbette e pure delle pietre succulente. Leccano pietre e dicono che so’ bone, penza un po’ te… magnano neve e sassi finché arivano in una specie de’ rifuggio dove li monaci tibbetani tengono e’ statue der budda, non ce stanno persone. Er giapponese dice che là i monaci ce nasconnono er cibbo pè budda come offerta, allora l’Italiano famelico scava scava scava fino a che non lo trova e se lo pappa tutto. Er giapponese se lo guarda e je dice che fa proprio schifo. Fino a qua erano annati sempre d’accordo ma sta cosa che s’è magnato le offerte der budda per sopravvive proprio non je va giù. Poi se scopre che l’Italiano ciaveva ancora na’ scatola de’ cibbo dentro alla borsa e je dice: “Ah Tekano dai magnamosela insieme” ma ar giapponese je fa popo schifo perché dice che ce stanno dentro l’ormoni. E qua mo’ ce stanno un po’ de incongruenze…Se quello ciaveva er cibo nello zaino te pare che se magnava le pietre e la robba sepolta sotto la terra, prima? Fatto sta che er giapponese fa er figo ma poi a forza de cammina’ a stomaco voto inizia ad avecce fame surserio pure lui…Annusa l’Italiano come n’ animale e pare che se lo vole magnà. Trova un ramarro e fa pe’ piallo ma l’Italiano je lo rubba dalle mano. Il giapponese incavolato nero lo insegue, l’altro scappa e se perdono in mezzo alle montagne, non se trovano più. Poi se vede l’Italiano che lo cerca pe’ fa pace, perché nun je regge de sta da solo in mezzo ar Tibet e trova a Tekano congelato sotto ar ghiaccio e alla fine pe’ fame se lo magna, anzi se lo divora popo come un animalaccio. E qua ho stoppato er film e ho detto alla mi’ rigazza: sei sicura che sopra er dvd ce stava scritto commedia??? Sì, controllo, ce sta scritto proprio commedia… Annamo avanti. L’Italiano viene salvato da un monaco, che pareva un fan da a Roma pe’ com’era agghindado e se ritrova dentro ‘a na’ vasca da bagno con la sua vecchia governante, che je lava ‘a schiena come a un pupone. Nun cià na donna, cià solo sta cammeriera che je cucina ‘n sacco de manicaretti bboni che me stavo pure io a leccà li baffi , ma lui che era un gran magnone, prima, mo’ dopo che s’è magnato ar giapponese non riesce più a magnà niente perché sente sempre a’ voce de Tekano dentro, che je parla e ‘o paracula pe’ perseguitallo. Pe’ guarì da sta maledizione che non poteva più magnà, se ricovera a na’ clinica dove dice a una pisicologa che sente le voci e là sta na’ pischella ‘na cifra più giovane, che non se sa perché, se innamora proprio de lui, che cià pure na nasca che non finisce mai. Lui non ce la fa a bacialla e je dice pure “meio pe’ te!”, allora lei pe’ disperazione scappa. Tutti lo piano per culo nella clinica, perché scoprono che era cannibale, dopo che lui s’è confidato davanti a uno che faceva finta d’esse muto e invece poi era peggio de’ a portinaia che dice li cavoli tui a tutti. La pischella innamorata de lui è l’unica che non se scandalizza, anzi è contenta, va là tutta acchittata caruccia e je dice:“Mangiami”. Allora lui dice…ma che sei matta? Esce dalla clinica e torna a casa sua co’ la governante vecchia che lo ama in segreto e trova chi, davanti alla porta? Proprio er giapponese,Tekano, che lui pensava che era morto e se l’era magnato ma invece no…Era vivo! L’Italiano non capisce e penza che è ‘n fantasma! Lui in realtà s’era magnato un pesce congelato in Tibet e non il corpo dell’amico suo. Allora lascia Tekano colla cameriera e va dalla pischella e je cucina ‘na bella torta pe’ festeggià il fatto che era stato tutto un sogno.  Allora ve chiedo: ciavevamo veramente bisogno de sto sogno? Me pare più un incubo.

RedazioneDirettoPunti di vistacinema,recensioni,satiradi Manlio Trueroman  Visto che mo’ ar festival der cinema ce vanno tutti e commentano li film, noi abbiamo deciso de fa’ quarcosa de novo. Pigliamo un film vecchio, già uscito senza che nessuno se n’è accorto, e ce scrivemo pe’ voi ‘na bella recenzione. La rigazza mia è...