Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

 

Con 159 voti favorevoli e 112 contrari, il Senato ha dato la fiducia al Governo, approvando la riforma del sistema nazionale d’ istruzione. Nelle dichiarazioni di voto hanno negato pubblicamente la fiducia i senatori: Mario Mauro (GAL), Anna Cinzia Bonfrisco (CRI), Centinaio (LN), Loredana De Petris (SEL), Rosetta Blundo (M5S), Marin (FI-PdL). Hanno annunciato la fiducia i senatori: Zeller (Aut), Conte (AP), Puglisi (PD). In dissenso dal proprio partito, il senatore Ruta (PD) ha annunciato di non votare la fiducia, ricordando che nel programma elettorale del PD era prevista una riforma partecipata della scuola. Per i contrari si è trattato dell’annientamento della scuola pubblica e per questo molti deputati hanno protestato con dei cartelli recanti la scritta “R.I.P. scuola pubblica”. Il testo è passato alla Camera dei deputati, dov’è attualmente in discussione.

*AGGIORNAMENTI: Il 9 luglio 2015 l’Assemblea della Camera ha approvato il disegno di legge di riforma della scuola, presentato dal Governo.

RedazioneDirettoPoliticariforma,scuola pubblica,senato  Con 159 voti favorevoli e 112 contrari, il Senato ha dato la fiducia al Governo, approvando la riforma del sistema nazionale d’ istruzione. Nelle dichiarazioni di voto hanno negato pubblicamente la fiducia i senatori: Mario Mauro (GAL), Anna Cinzia Bonfrisco (CRI), Centinaio (LN), Loredana De Petris (SEL), Rosetta Blundo...