Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

peppinoIl 9 Maggio 1978, in ‪Sicilia, la mafia uccide ‪Peppino Impastato, all’anagrafe Giuseppe, giornalista e fondatore di ‪‎Radio Aut, poeta, attivista, politico, eroe antimafia. Nella sua trasmissione satirica Onda Pazza, Peppino irride la cultura mafiosa del suo paese, ribellandosi anche al proprio padre, che per reazione lo caccia di casa. Nel 2001 viene condannato, per l’omicidio di Peppino, Vito Palazzolo e nel 2002 anche il mandante, ormai anziano, Tano Badalamenti, boss mafioso di ‪Cinisi, che Peppino in radio chiamava “Grande Capo Tano Seduto” e che abitava a soli “cento passi” dalla famiglia Impastato. “Cento passi ci sono, fino a casa dello zio Tano! Io voglio fottermene e gridare che la mafia è una montagna di merda!” Strillava e scriveva Peppino e la scena è stata magistralmente riprodotta nell’omonimo film –i cento passi- che ha il merito di averci fatto conoscere questa storia, imprimendola nel nostro cuore per sempre. Alla morte di Peppino, per protesta, gli abitanti di Cinisi lo votano in massa alle elezioni comunali, dove si era candidato. La madre, Felicia -scomparsa nel 2004- ed il fratello Giovanni, hanno aperto la propria casa, a Cinisi, a chiunque voglia visitarla.  (M.I.)

peppinoimpastato“Se s’ insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti da operazioni speculative, ci si abitua con facilità. Si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima. Ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione, ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”. 

“…Ci dobbiamo ribellare, prima che sia troppo tardi, prima d’abituarci alle loro facce!” Peppino Impastato

 

 

 

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/05/peppinoimpastato.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/05/peppinoimpastato-150x150.jpgRedazioneDirettoEventiantimafia,mafia,Peppino Impastato,radio autIl 9 Maggio 1978, in ‪Sicilia, la mafia uccide ‪Peppino Impastato, all’anagrafe Giuseppe, giornalista e fondatore di ‪‎Radio Aut, poeta, attivista, politico, eroe antimafia. Nella sua trasmissione satirica Onda Pazza, Peppino irride la cultura mafiosa del suo paese, ribellandosi anche al proprio padre, che per reazione lo caccia di casa. Nel 2001 viene...