Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Palazzo Chigi

A Palazzo Chigi, nel Salone dei Galeoni,  è terminata la cerimonia del passaggio di consegne tra il Presidente uscente  Renzi e il nuovo Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio uscente è  Claudio de Vincenti, che viene sostituito nel ruolo da Maria Elena Boschi, ma resta in ogni caso a far parte del nuovo governo con l’incarico di Ministro per la  Coesione territoriale e il Mezzogiorno. Dopo aver ricevuto gli onori militari, Matteo Renzi ha lasciato Palazzo Chigi.  Di seguito riportiamo i vari ministeri assegnati.

Ministri con portafoglio

Affari Esteri Angelino Alfano; Interno Domenico Minniti (detto Marco); Giustizia Andrea Orlando; Difesa Roberta Pinotti; Economia e finanze Pietro Carlo Padoan; Sviluppo economico  Carlo Calenda; Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina; Ambiente, tutela del territorio e del mare Gianluca Galletti; Infrastrutture e trasporti  Graziano Delrio; Lavoro e politiche sociali  Giuliano Poletti; Istruzione, Università e ricerca Valeria Fedeli; Beni, attività culturali e turismo Dario Franceschini; Salute Beatrice Lorenzin.

Ministri senza portafoglio

Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro; Semplificazione per la Pubblica Amministrazione  Maria Anna Madia; Affari Regionali  Enrico Costa; Coesione territoriale e Mezzogiorno Claudio De Vincenti; Sport Luca Lotti.

Immediate le reazioni, da parte degli schieramenti politici esterni al PD. Si rimprovera di non aver rimosso ma riconfermato i componenti chiave del vecchio governo. Scoppia un’accesa polemica anche sul Ministro per l’Università e la ricerca, Valeria Fedeli, accusata di avere mentito sul suo curriculum vitae e di non avere la laurea. Sulla sua pagina, così commenta le elezioni l’On. Paola Taverna (M5S):  “Nuovo governo! Riconfermato Poletti per aver azzerato il diritto al lavoro. Riconfermata la Lorenzin per la distruzione del servizio sanitario nazionale. Premiato Alfano per evidente incapacità di essere degno di qualunque incarico in un paese normale. E per non farci mancare la ciliegina sulla torta di letame c’è posto pure per Maria Etruria Boschi. Si prevede l’innalzamento del livello di sicurezza dei fiumi per inondazione di vomito da chi con un NO pensava di esserseli tolti di torno.” Non manca la satira televisiva. Maurizio Crozza, nel corso del suo programma, lo definisce “governo copia e incolla!”

Articoli correlati:

Referendum Costituzionale: analisi dei risultati

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/12/palazzo_chigi_0.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/12/palazzo_chigi_0-150x150.jpgRedazioneDirettoPoliticaGentiloni,governo,politica,romaA Palazzo Chigi, nel Salone dei Galeoni,  è terminata la cerimonia del passaggio di consegne tra il Presidente uscente  Renzi e il nuovo Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio uscente è  Claudio de Vincenti, che viene sostituito nel ruolo da Maria Elena...