Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Italiani uccisi in LibiaFausto Piano e Salvatore Failla, due dei quattro tecnici Italiani della Bonatti, rapiti in Libia, sono rimasti uccisi in uno scontro a fuoco, nella regione di Sabrata. In Libia, numerosi territori sono sotto il controllo delle milizie islamiche. In questi giorni si parla dell’invio di un contingente Italiano e di una coalizione internazionale sotto la guida del nostro Paese. Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha smentito l’ipotesi di una guerra in Libia e ha rassicurato l’Italia che non prenderebbe mai una decisione simile senza averne prima discusso in Parlamento.

In merito alla Missione Militare Italiana in Libia, riportiamo testualmente il comunicato ufficiale del Ministero della Difesa:

“Il 17 febbraio 2011 in Bengasi iniziava la sollevazione popolare contro il regime del Rais libico, Col. Muhammar Gheddafi. Dopo un mese, tale sollevazione assumeva le caratteristiche di una guerra civile e allo scopo di coordinare lo sviluppo delle operazioni, il Consiglio Nazionale di Transizione (CNT) autorizzava la costituzione di un Operations Center in Bengasi. In questo contesto, nell’ambito del più ampio impegno italiano per la risoluzione della crisi libica ed al pari di iniziative similari assunte da altri Paesi (Emirati Arabi Uniti, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Giordania e Qatar) le Autorità politiche nazionali autorizzavano l’invio in Libia di un team di istruttori, per supportare il citato OPSCENTER nel processo di acquisizione di capacità autonome, avviando così il 28 aprile 2011 l’Operazione “Cirene”. Dal mese di settembre 2013 “Cirene” è stata ridenominata Missione militare italiana in Libia (MIL), mantenendo scopo e finalità della precedente Operazione. In tale ambito, il 26 settembre 2013 ha avuto inizio l’Operazione “COORTE” finalizzata all’addestramento di circa 2.000 militari libici sul territorio libico e successivamente su quello italiano. L’Operazione ha consentito la formazione iniziale di circa 400 unità libiche, ed è terminata il 30 gennaio 2015​. Il Comando della MIL è affidato ad un Generale di Brigata.​​​​”

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/03/libia.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/03/libia-150x150.jpgRedazioneDirettoPoliticaFausto Piano e Salvatore Failla, due dei quattro tecnici Italiani della Bonatti, rapiti in Libia, sono rimasti uccisi in uno scontro a fuoco, nella regione di Sabrata. In Libia, numerosi territori sono sotto il controllo delle milizie islamiche. In questi giorni si parla dell'invio di un contingente Italiano e...