Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

di Miriam Iantaffi

Il quartiere periferico di Tor Marancia è stato riqualificato, grazie all’opera dei writers, delle associazioni e di un’amministrazione capitolina che, dal 2015 ad oggi,  ha anche saputo investire nella Bellezza. Il primo insediamento nella borgata, intorno agli anni ‘20, fu costituito -su terreni paludosi- da cittadini espulsi dal centro e da immigrati provenienti dal Sud Italia. Spesso vivevano in sei dentro una stanza, condividendo i servizi igienici con altre famiglie. Dopo la seconda guerra mondiale, le baracche furono demolite, per far spazio alle case popolari, più dignitose ma immerse nel grigiore, di certo lontane da canoni estetici universalmente riconosciuti. Le costruzioni erano riconducibili, piuttosto, alla storica linea di squallore che caratterizza l’architettura periferica di Roma.

Collage T.MaranciaDefjpgGrazie al progetto Big City Life,  artisti Italiani e stranieri hanno rivoluzionato l’ambiente, dipingendo le facciate di diverse palazzine. In Distanza Uomo Natura di Jerico, quei gelsomini affrescati sulle pareti sono così reali da sentirne l’odore, mentre Welcome to Shangai, di Caratoes, vuol essere un omaggio al passato della borgata, chiamata appunto, un tempo, Shangai, per i continui allagamenti ed accoltellamenti.

shangai

Tanti gli artisti, oltre quelli già nominati, e di valore: Gaya, Reka, Lek e Sowat; Baudeloque, Behr, SatOne, Seth, Jaz e gli Italiani Money Less, Diamond, Danilo Bucchi, Matteo Basilè, Domenico Romeo, Pantonio, Alberonero. A loro si aggiungono i tanti writers che hanno reso l’Ostiense un’opera continua di murales, spontaneamente. Il più noto è l’artista Blu, che ha fatto parlare di sé, per le sue indiscutibili capacità, ma ce ne sono talmente tanti, più o meno conosciuti e tutti meritevoli di nota, da rendere il quartiere una galleria d’arte a cielo aperto. All’avanguardia, sempre a Tor Marancia, anche il Liceo Artistico Caravaggio. Si è fatto notare per il murale, che richiama atmosfere primaverili, dipinto in tonalità blu, sulla facciata della scuola, dall’artista Gaya, in collaborazione con studenti e studentesse.

Collage artisticobis

dibartolomeiI ragazzi del Liceo Caravaggio hanno raffigurato anche l’ex capitano della Roma, Agostino di Bartolomei, che portò la squadra giallo rossa al suo secondo scudetto. Meritano indiscutibilmente una visita, oltre che una menzione, pure i murales tribali di Hoek, in via dell’Arcadia: un’esplosione di colori, con cui l’artista sbeffeggia le previsioni dei Maya sulla fine del mondo.

Collage artistico (1)

L’ultimo contributo, non istituzionale, alla street art nella zona, arriva oggi dall’artista MP5, che ha ultimato la ristrutturazione dei locali occupati dal gruppo Cagne Sciolte. Il collettivo organizza attività culturali, in particolare contro la violenza sulle donne.

cagne

L’artista MP5 ha accettato l’invito all’azione e ha deciso di rendere i locali più vivibili, con i suoi dipinti, a titolo volontario.

ostienseMP5I suoi lavori sono gli unici realizzati in interni, tra quelli presentati, ma rientrano a pieno titolo nell’ arte di strada, per via della loro collocazione significativa nell’underground romano. Dopo aver tinteggiato di bianco le pareti, MP5 ha omaggiato l’associazione con le sue raffigurazioni delle cagne, che si appropriano dello spazio. Un bianco e nero essenziale ma oltremodo comunicativo. Le figure lineari, nello stile dell’artista,  sono state dipinte  interamente a mano libera.

 

montagnola

 

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/06/Collage-T.MaranciaDefjpg-1024x847.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2016/06/Collage-T.MaranciaDefjpg-150x150.jpgRedazioneDirettoEventiarte,arte di strada,Murales,Ostiense,roma,street art,Tor Marancia,writersdi Miriam Iantaffi Il quartiere periferico di Tor Marancia è stato riqualificato, grazie all’opera dei writers, delle associazioni e di un’amministrazione capitolina che, dal 2015 ad oggi,  ha anche saputo investire nella Bellezza. Il primo insediamento nella borgata, intorno agli anni ‘20, fu costituito -su terreni paludosi- da cittadini espulsi...