Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

«Se s’ insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con facilità. Si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima. Ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore». (Peppino Impastato)

Fotografie scattate il 14 Giugno 2018, a Roma Est, nei quartieri Tiburtino III e Colli Aniene, M.I.

http://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2018/06/968-768x1024.jpghttp://www.ildiretto.com/wp-content/uploads/2018/06/968-150x150.jpgRedazioneDirettoFoto reportageFotoraccontiMurales,periferia,roma,Roma est«Se s' insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con facilità. Si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e...